29 agosto 2012

PASSO DELLO STELVIO [In Moto]



L'Italia e' un Paese che amo per la sua capacita' di sorprendermi e di lasciarmi a bocca aperta ogni volta, incantata davanti alle sue infinite bellezze...detto questo credo che chi sia stato in questo luogo lo possa affermare senza dubbio, che si tratti di uno dei piu' affascinanti,  più incredibili in cui la meraviglia della natura e l'ingegno dell'uomo si incontrano e si ritrovano in un equilibrio quasi fatato...sto parlando del passo dello Stelvio sulle Alpi, punto di incontro di lingue e culture diverse, quella italiana, la svizzera e anche quella austriaca.




Il passo si trova all'altezza di 2.760 metri , al confine tra la Lombardia ed il Trentino Alto Adige ed e' raggiungibile attraverso la statale ss38 che da Sondrio in Valtellina arriva fino a Bolzano. Una volta arrivati a Bormio la strada si fa sempre più ripida, per poi incunearsi in una serie di tornanti ( 36 dal versante lombardo e 48 dal versante altoatesino) che con tutto stupore vi porteranno fino al punto piu' alto, anche conosciuto come la Cima di Coppi, il punto più alto d'Italia battuto dal ciclista al Giro d'Italia.
Questa strada e' percorribile con la macchina, la moto e la bici, e' una tappa obbligata per gli amanti della strada e delle arrampicate estreme.
Ho avuto la possibilita' di soggiornare in un rifugio locale...un albergo in stile tibetano che si trova affacciato sulla montagna in una posizione quasi surreale.
La bellezza del luogo unita al cielo limpido e all'aria frizzante ti portano a godere della natura e della montagna facendoti dimenticare delle ore di viaggio...sicuramente e' una visita che vale la pena di fare. Soprattutto per chi ama la strada, i tornanti hanno una vista incantevole (abbiamo avvistato anche una coppia di aquile!!), l'attesa viene ripagata appieno!











E' un viaggio da fare solo d'estate per via delle temperature e della chiara possibilita' di trovare il passo chiuso per neve...Per ogni informazione anche riguardo lo sci e gli impianti presenti vi rimando al sito ufficiale qui.
Anche senza neve, per un'amante come me degli spazi aperti senza le temperature polari, resta incredibilmente affascinante la vista dell'immensita' delle montagne circostanti, che ti fanno sentire piccolo ma che allo stesso ti riportano davanti alla grandezza e alla storia delle imprese umane.

Nessun commento:

Posta un commento