27 febbraio 2014

Un DIAVOLO per CAPPELLO...


Il cappello, un semplice accessorio dai mille gusti e attitudini. Un oggetto che per la sua fattezza, oltre ad essere utile per ripararsi dal sole e dal vento, incarna nella sua anima le diverse culture e usanze popolari. Un feticcio, che per alcuni personaggi rappresenta un segno di riconoscimento, una scelta di carattere è sicuramente un accessorio che rappresenta allo stesso tempo spirito di adattamento e vanità. Ha sempre avuto un ruolo da protagonista nel cinema, mostrandosi come un elemento di rappresentatività e mistero: con un cappello si può giocare a interpretare ruoli diversi, da quello del gangster alla signora un pò naif e complicata.





Molti cercano la felicità nello stesso modo in cui cercano il cappello: lo hanno sempre in testa.
 Nikolaus Lenau

Cappellaio Matto: Sono diventato matto? Alice: Temo di sì, sei assolutamente svitato. 

Il cappello o copricapo che sia, rappresenta da sempre, nelle sue svariate forme e colori, la storia del costume e dell'uomo. Insomma non si può non amare il cappello, che sia quello del mago a cilindro, da cui può sempre apparire un coniglio, oppure il cappello impolverato ma sempre perfetto di Indiana Jones, che lo accompagna nelle sue mitiche avventure.
Lo sanno bene anche gli inglesi, che in ogni occasione speciale, soprattutto ad Ascott sfoggiano copricapi dalle fattezze improbabili e sopra le righe...Chi avrebbe il coraggio di indossare tali esemplari?
Per portare un cappello non serve essere divi del cinema o lord inglesi, ma ci vuole decisamente molta personalità e coraggio. Inoltre occorre essere a conoscenza delle regole base di bon ton, per esempio che le donne possono portarlo anche nei luoghi chiusi, tranne al cinema e a teatro per ragioni di praticità. Mentre l'uomo dovrebbe togliersi il cappello quando è in presenza di una signora, o comunque accennare un saluto, proprio come si usava una volta!






Se anche voi amate il cappello, come oggetto di design, accessorio di moda ed eccentrico, a Firenze fino al 18 Maggio alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti c'è una mostra proprio su: "Il Cappello tra arte e stravaganza", prima mostra monografica dedicata al cappello. La mostra raccoglie una collezione di più di mille esemplari, che vanno dalle firme più note come Christian Dior, Yves Saint Laurent, Prada, fino ad arrivare a esporre manufatti di alcune modisterie italiane e fiorentine meno conosciute, ma che realizzano vere opere d'arte.
E voi che cosa ne pensate del cappello? Lo indossate spesso? In quali occasioni?  Baciii


Photo credits: Google Images

10 febbraio 2014

COME VOLTARE PAGINA...


Quando c'è l'ispirazione anche parlare di certe cose un pò più delicate diventa una necessità. Sentivo il bisogno di parlare di questo argomento, che mi tocca personalmente e che credo possa essere comune a molte persone. Non desidero essere presa alla lettera, nè mi considero una specialista per le rotture, ogni storia è unica e personale, ma ho voluto lo stesso dare la mia interpretazione, anche scegliendo dei film che si legano al tema. Fatemi sapere cosa ne pensate! :)

Il lieto fine in amore non è sempre come nelle favole in cui il principe ama la principessa, anche quando lei per sbaglio aveva dato un morso alla mela avvelenata ed era caduta in un sonno profondo. Arrivava il suo cavaliere a salvarla con un bacio. Ma nelle fiabe non c'era spazio per gli ex... l'EX quella sigla che si usa per identificare con un certo anonimato, quella persona che non fa più parte della nostra vita.


Due lettere che potrebbero svelare il mistero dietro al quale si celano certi sentimenti come la gelosia, il rancore, la rabbia, la delusione, l'indifferenza, l'amarezza, o i sensi di colpa che veramente fanno male, lasciando un segno tangibile, profondo, a volte incolmabile. 
Ma come affrontare questo passaggio senza sembrare disperati? Se siete stati voi a lasciare questo vi darà sicuramente un vantaggio: si dice che in amore vince chi fugge, ma in questo caso non sarà una vittoria, perché lasciarsi fa comunque male, quando si è stati innamorati.
Se siete stati lasciati è meglio reagire, non mostrarsi deboli agli occhi degli altri, perché non sarà la fine del mondo e se quella persona vi sta lasciando non vuole lottare per voi, di sicuro non merita il vostro amore, tantomeno le vostre lacrime. 
Oppure ci sono le persone che decidono insieme di lasciarsi, quasi da amici, ma la cosa peggiore da fare è provare a restare amici, ci sarà sempre un sentimento diverso dall'amicizia, che non cambierà così facilmente. Come per ogni cosa, ci vuole tempo.



Possono essere tante le scuse "non c'è più l'intesa di prima" "abbiamo interessi diversi" "meglio restare amici"...chi di noi non le ha usate almeno una volta? Per esempio vietato dire alla persona che ci ha appena lasciato quanto la amiamo e quanto sia importante per noi, o almeno non dirlo in continuazione. L'effetto ridondante suonerà alle sue orecchie come una supplica, per scongiurare la sua decisione. Così come scrivere mille messaggi, controllare la sua bacheca, la chat e magari pensare di fare appostamenti sotto casa. Meno si vede la persona che ci ha fatto soffrire o con cui non stiamo più insieme, più sarà facile allontanarsi e andare oltre.
Come canta Gianna Nannini, l'amore è indimenticabile, una verità per cui è difficile lottare con la ragione e tutti mezzi a nostro vantaggio. L'amore può anche spezzare il cuore, fino a quando non si trova una persona speciale che ci faccia innamorare di nuovo.


Ci sono tanti film che parlano di questo argomento, mi viene in mente il famoso film con Julia Roberts "Il matrimonio del mio migliore amico" , bellissimo e romantico,  ma anche struggente tentativo di riprendersi l'ex, quello che Jules considerava di suo proprietà, tralasciando il fatto che il suo migliore amico si stava per sposare con un'altra donna. Io non so se avrei avuto il coraggio e voi?
Ma l'amore è anche rischio e chi ama sa qual'è la posta in gioco, e si cerca si fare il possibile anche se questo può essere decisamente inappropriato.


Un altro film è "Celeste and Jesse Forever" uscito in Italia con il nome di "Separati Innamorati". Qui invece la coppia si è innamorata al college e si è sposata molto presto, ma dopo qualche anno si separano. Iniziano a frequentarsi come amici, due ex che inizialmente continuano a vivere sotto lo stesso tetto. La cosa però dura poco e i due si ritroveranno a dover affrontare la realtà e a capire che i sentimenti che provano l'uno per l'altra resteranno tali per sempre ma che la vita va avanti con altre sorprese e altri amori.


Un film molto carino è "La rivolta delle ex", che si ispira a una favola di Dickens, con Matthew McConaughey e Jennifer Garner. Un fotografo con una vita molto movimentata, tante donne e niente sentimenti, dopo che da ragazzino si era sentito tradito dalla ragazza che gli piaceva, aveva giurato di smetterla di innamorarsi, che non faceva per lui.
Ma durante i festeggiamenti per il matrimonio del fratello, di notte gli appaiono i fantasmi delle sue donne del passato, del presente e del futuro.  Un viaggio che lo porta a capire che forse la sua risorsa infinita di ex, era solo un modo per non avere legami seri.


photo credits: Google Images

Penso che c'è la speranza di cambiare, che da questi momenti si possa imparare qualcosa di buono per il futuro. Anche gli ex possono redimersi, ma è probabile che non staremo lì ad aspettare il ritorno di fiamma, nel mentre faremo altro.  Non dico che l'amore non sia imprevedibile, ma si dimostra con i fatti, i gesti oltre che con le parole. Per cui che il capitolo sia chiuso o meno, forse solo archiviato nei meandri del cuore, è giusto darsi un'altra possibilità, consapevoli del fatto che non si vive di soli ricordi ma che la vita è fatta di consapevolezze, soprattutto in amore.
E voi avete vissuto queste esperienze? Cosa consigliereste a chi si trova in questa situazione?

6 febbraio 2014

London Mini BEAUTY HAUL


Care amiche,

Eccomi di nuovo qui, dopo settimane di buio e grigiore oggi finalmente una giornata di sole! A parte il mio stato d'animo, vorrei riprendere uno degli argomenti che ho un pò dimenticato, sia per negligenza (eheheh) sia perché quando parlo di prodotti beauty, voglio fare un test accurato (e prolungato direi) e vedere su di me come funzionano.
Quando ultimamente sono stata a Londra, non potevo non fare shopping ed essendo una fan delle varie Youtuber e blogger inglesi, mi sono fatta convincere virtualmente a fare acquisti e a provare alcuni marchi che non sono facilmente reperibili in Italia.
Sono stata da Boots e ho acquistato dei prodotti di Soap&Glory, brand molto accattivante per il packaging vintage e di colore rosa, di cui avevo sentito parlare da Lily Pebbles e che mi aveva incuriosito.  Avrei voluto prendere lo scrub per il corpo, ma era una confezione enorme e in valigia non avevo così tanto spazio :)



Ho provato lo scrub per il viso, Scrubatomic, che mi piace molto perché non è per niente aggressivo, infatti si può usare tutti i giorni ed è molto delicato sulla pelle, lasciandola liscia, luminosa e pulita. In più ha un dolce profumo di albicocca, fruttato che è piacevole. Di questo sono molto soddisfatta, invece della maschera per il viso, No Clogs allowed, non ho potuto notare particolari benefici, i miei pori non sono migliorati e anche i brufoletti sono gli stessi. Questa maschera è molto particolare, perché quando viene applicata sul viso si massaggia delicatamente e le microsfere al contatto con la pelle si attivano, cambiando colore e scaldandosi. Per cinque minuti sentirete caldo, come se aveste preso troppo sole =)! Con la promozione avevo la possibilità di scegliere anche un terzo prodotto "for free" se non sbaglio, per cui ho preso un contorno occhi che sto usando e mi piace, un gel che va bene per chi ha problemi di occhiaie o borse, quando lo applico pizzica leggermente, ma credo che sia normale, per riattivare la circolazione microvenosa :)

Sempre da Boots, ho preso due smalti di Barry M, che non avevo ancora provato e devo dire che per il prezzo di 3 sterline sono di buona qualità, resistenti e con diverse formule e colorazioni. Ho scelto un color vinaccia, per l'inverno e uno più fresco, color menta.




Il correttore Lasting Perfection, della Collection 2000, un prodotto che sempre su Youtube era molto osannato, mi sta piacendo tantissimo. La colorazione che ho scelto è la medium perché non volevo fare effetto mascherina da sci e ad avere cerchi bianchi intorno agli occhi. Ma la cosa che più mi piace è la durata, veramente non si muove dalla mattina fino alla sera quando lo tolgo, ed io sono una persona che si tocca spesso gli occhi. Per me vale l'hype, il prezzo è di circa 4 sterline! Ma mi sta finendo e volevo sapere se mi potreste consigliare un buon correttore che duri.

Ultimo acquisto last-minute al Duty Free, mi sono lanciata nel reparto cosmetici anche perché avevo da spendere le ultime sterline per non portarle indietro (ma penso che sia la cosa più divertente), poi il duty free offre qualsiasi cosa, ho visto addirittura il negozio di souvenir di Harrods all'aeroporto di Gatwick! Perciò gli inglesi sanno che amiamo le spese last-second...Io ho voluto provare il brand Ren Skincare, una linea cosmetica naturale che non utilizza petrolati, parabeni, fragranze, siliconi etc, di cui avevo sentito naturalmente parlare nei famosi video dei "monthly favorites" su Youtube.


Questi prodotti sono entrambi della linea per pelli grasse/miste, in modo da poter controllare il sebo e la lucidità che sono il mio problema oltre all'acne. Premetto che non ho visto grandi miglioramenti per quanto riguarda la zona T, la fronte continua a lucidarsi, ma il gel detergente è molto delicato, non secca troppo la pelle e questo un punto a suo favore, posso tranquillamente dimenticarmi certe sere di mettere la crema dopo aver lavato il viso. Unico neo: non strucca bene, per cui consiglio di usare prima un latte detergente, una salvietta umida, insomma da solo non è sufficiente.
La maschera contiene argilla bianca e lavanda, ottima per pulire a fondo la pelle da impurità e brufoletti, ed è molto fresca applicata sul viso, non secca la pelle e si rimuove con dei leggeri movimenti circolari delle dita, facendo un leggero scrub. Questi due prodotti mi sembrano molto validi e ho pagato entrambi 29 sterline. 

Questi sono i miei acquisti beauty, che sto ancora usando con soddisfazione, certo alcuni sono più difficili da reperire in Italia, ma questo è anche il bello di fare acquisti all'estero per comprare ciò che qui da noi non si trova. Spero di non avervi annoiato e sono curiosa di sapere voi cosa comprate all'estero, se c'è qualche prodotto beauty per cui vale davvero la pena e che da noi non si trova? Un bacio!!