27 febbraio 2014

Un DIAVOLO per CAPPELLO...


Il cappello, un semplice accessorio dai mille gusti e attitudini. Un oggetto che per la sua fattezza, oltre ad essere utile per ripararsi dal sole e dal vento, incarna nella sua anima le diverse culture e usanze popolari. Un feticcio, che per alcuni personaggi rappresenta un segno di riconoscimento, una scelta di carattere è sicuramente un accessorio che rappresenta allo stesso tempo spirito di adattamento e vanità. Ha sempre avuto un ruolo da protagonista nel cinema, mostrandosi come un elemento di rappresentatività e mistero: con un cappello si può giocare a interpretare ruoli diversi, da quello del gangster alla signora un pò naif e complicata.





Molti cercano la felicità nello stesso modo in cui cercano il cappello: lo hanno sempre in testa.
 Nikolaus Lenau

Cappellaio Matto: Sono diventato matto? Alice: Temo di sì, sei assolutamente svitato. 

Il cappello o copricapo che sia, rappresenta da sempre, nelle sue svariate forme e colori, la storia del costume e dell'uomo. Insomma non si può non amare il cappello, che sia quello del mago a cilindro, da cui può sempre apparire un coniglio, oppure il cappello impolverato ma sempre perfetto di Indiana Jones, che lo accompagna nelle sue mitiche avventure.
Lo sanno bene anche gli inglesi, che in ogni occasione speciale, soprattutto ad Ascott sfoggiano copricapi dalle fattezze improbabili e sopra le righe...Chi avrebbe il coraggio di indossare tali esemplari?
Per portare un cappello non serve essere divi del cinema o lord inglesi, ma ci vuole decisamente molta personalità e coraggio. Inoltre occorre essere a conoscenza delle regole base di bon ton, per esempio che le donne possono portarlo anche nei luoghi chiusi, tranne al cinema e a teatro per ragioni di praticità. Mentre l'uomo dovrebbe togliersi il cappello quando è in presenza di una signora, o comunque accennare un saluto, proprio come si usava una volta!






Se anche voi amate il cappello, come oggetto di design, accessorio di moda ed eccentrico, a Firenze fino al 18 Maggio alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti c'è una mostra proprio su: "Il Cappello tra arte e stravaganza", prima mostra monografica dedicata al cappello. La mostra raccoglie una collezione di più di mille esemplari, che vanno dalle firme più note come Christian Dior, Yves Saint Laurent, Prada, fino ad arrivare a esporre manufatti di alcune modisterie italiane e fiorentine meno conosciute, ma che realizzano vere opere d'arte.
E voi che cosa ne pensate del cappello? Lo indossate spesso? In quali occasioni?  Baciii


Photo credits: Google Images

1 commento:

  1. A me piace tantissimo mettere il cappello, pure quello di lana col ponpon!!
    Ma ne ho uno che adoro!! E' un baschetto nero di lana sottile e un po' traforato con una rosa di pizzo di lato, un po' vintage!!
    Ciaooo!!

    RispondiElimina