27 gennaio 2014

MADE IN ITALY e la sfida del digitale


Si chiama "Eccellenze in digitale" il progetto portato avanti da Google, Unioncamere insieme al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, nato con l'obiettivo di dare spazio nel mondo della rete all'eccellenza italiana dell'agroalimentare, del design e dell'artigianato. Tutto questo è reso possibile tramite google.it/madeinitaly il progetto che grazie alla piattaforma digitale Google (Google Cultural Institute) rappresenterà una sorta di vetrina, un viaggio virtuale nel Made in Italy.



Una realtà quella delle piccole, medie imprese che sebbene si presenti come il fiore all'occhiello del dell'italianità all'estero, non raggiunge i numeri delle grandi imprese.
E qui Google ha pensato di poter dare il suo contributo (gratuito a quanto pare) realizzando questo progetto, che ha come obiettivo quello di avvicinare al web la aziende famigliari o le realtà imprenditoriali più piccole, per riuscire a dimostrare quanto la sfida del digitale possa portare una maggiore visibilità e crescita economica.
Nell'epoca della globalizzazione il requisito fondamentale per ogni impresa è quello di competere a livello globale, di poter raggiungere tutti attraverso la rete e i social network, per farsi conoscere e vendere con l'e-commerce.
Questo progetto si presenta come una mappa interattiva dell'Italia molto facile da consultare che vede a portata di click le tradizioni (l'arte orafa, i tessuti, il vetro, le ceramiche, i mobili, etc.) e i prodotti alimentari (dal prosciutto San daniele, alle clementine calabresi, dall'olio sardo al formaggio Castelmagno) che vengono coltivati, lavorati e realizzati in Italia. Un vero e proprio museo virtuale, che raccoglie foto, storie, documenti d'epoca e testimonianze di imprenditori; inoltre c'è la possibilità di iscriversi a una serie di lezioni online sul tema del posizionamento strategico delle aziende nell'era digitale.
Mi piace molto che in un sistema così unico e vario per tipo di offerta, le tradizioni e i prodotti del nostro Paese, oltre ad essere eccellenze certificate, siano viste come elementi di cultura da valorizzare, da mostrare a tutto il mondo come esempio di qualità e originalità. 
Se poi il tour comprendesse anche un assaggio di tutte le bontà italiane sarebbe sicuramente un plus, ma per fortuna il web non è ancora arrivato a tanto...per cui gli stranieri possono essere solo invogliati a venire a provare, per vedere con i loro occhi! Se siete curiosi come me e volete conoscere tutti i prodotti di qualità che vengono nominati dateci un'occhiata. Alla prossima!


1 commento: